Il mosaico perduto di Caligola torna al Lago di Nemi

iovedì mattina presso il Museo Nazionale delle Navi Romane di Nemi verrà esposto il frammento in marmo romano a mosaico con serpentino e porfido, alle 12.30 è prevista l’apertura al pubblico.

Data:
10 Marzo 2021
Immagine non trovata

Giovedì mattina presso il Museo Nazionale delle Navi Romane di Nemi verrà esposto il frammento in marmo romano a mosaico con serpentino e porfido, risalente al II secolo d.C. che faceva originariamente parte della pavimentazione di una delle due navi da cerimonia dell'Imperatore Caligola, affondate nel lago di Nemi.

Alle 12.30 è prevista l’apertura al pubblico. Saranno presenti Massimo Osanna Direttore Generale Musei, Roberto Riccardi Comandante Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, Alberto Bertucci Sindaco di Nemi, Daniela De Angelis direttrice del Museo delle Navi romane di Nemi.

Dopo essere stato rinvenuto proprio nel lago nell'ambito di una campagna di scavo condotta dal Ministero dei Beni Culturali tra il 1928 e il 1932, il reperto, inventariato e in carico al Museo delle Navi Romane di Nemi (dato alle fiamme dai nazisti nel 1944), venne trafugato da ignoti nel dopoguerra.

Il mosaico è stato individuato dai Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale a New York, grazie alla collaborazione di esperti del settore, presso una collezione privata di una italiana residente negli Stati Uniti d'America e ad annunciare il ritrovamento è stato nel 2017 il ministro della cultura Franceschini.

Ultimo aggiornamento

Mercoledi 10 Marzo 2021